Studio Dentistico Mauro Savone Via Nettunense 226, Cecchina (Roma)

Grandi ricostruzioni dentali

Denti con estesa distruzione cariosa e grandi cavità rimaste dopo la rimozione della carie.

Caso 1. Estesa carie con cavità comunicanti mesiale, occlusale e vestibolare; il tessuto carioso è stato interamente rimosso ed il dente è pronto per essere ricostruito.
Caso 1. Estesa carie con cavità comunicanti mesiale, occlusale e vestibolare; il tessuto carioso è stato interamente rimosso ed il dente è pronto per essere ricostruito.
Caso 1. A ricostruzione ultimata, le macchie di colore blu corrispondono alla cartina di occlusione: la superficie occlusale del dente deve raggiungere un giusto contatto col dente antagonista, per questo la cartina è utile nel rilevare i punti "troppo alti" e scartarli, progressivamente, fin quando il paziente percepisce una "chiusura normale"; naturalmente devono permanere dei punti di contatto perché il dente ricostruito continui a svolgere il proprio ruolo nella stabilità occlusale: un contatto inesistente è deleterio come lo è un contatto eccessivo.
Caso 1. A ricostruzione ultimata, le macchie di colore blu corrispondono alla cartina di occlusione: la superficie occlusale del dente deve raggiungere un giusto contatto col dente antagonista, per questo la cartina è utile nel rilevare i punti "troppo alti" e scartarli, progressivamente, fin quando il paziente percepisce una "chiusura normale"; naturalmente devono permanere dei punti di contatto perché il dente ricostruito continui a svolgere il proprio ruolo nella stabilità occlusale: un contatto inesistente è deleterio come lo è un contatto eccessivo.
Caso 2. Questo sorriso ha un dente che non è come gli altri, e facendo attenzione si riesce a capire qual è.
Caso 2. Questo sorriso ha un dente che non è come gli altri, e facendo attenzione si riesce a capire qual è.
Caso 2. Questa era l'area di lavoro prima di scattare la fotografia precedente: si tratta del campo isolato sotto diga di gomma nella zona interessata, cioè quella del primo premolare superiore destro, che mancava completamente, e la giovane paziente non era in grado di sostenere la spesa di un impianto; si è deciso quindi di costruire una faccetta adesiva unicamente a scopo estetico.
Caso 2. Questa era l'area di lavoro prima di scattare la fotografia precedente: si tratta del campo isolato sotto diga di gomma nella zona interessata, cioè quella del primo premolare superiore destro, che mancava completamente, e la giovane paziente non era in grado di sostenere la spesa di un impianto; si è deciso quindi di costruire una faccetta adesiva unicamente a scopo estetico.
Caso 2. Una visione più chiara: la faccetta è unita solo al secondo premolare, invece che a due denti; nella mia esperienza è un espediente che, diversamente da come si potrebbe pensare, risulta più stabile, siccome il materiale adesivo non si trova più a fare da ponte tra due pilastri che non sono fissi in modo assoluto, infatti ogni dente si muove in accordo con l'elasticità del suo legamento parodontale. La faccetta è sottile e leggermente scaricata sul versante occlusale, in modo che, a denti chiusi, rimanga uno spazio libero di ca. 1mm
Caso 2. Una visione più chiara: la faccetta è unita solo al secondo premolare, invece che a due denti; nella mia esperienza è un espediente che, diversamente da come si potrebbe pensare, risulta più stabile, siccome il materiale adesivo non si trova più a fare da ponte tra due pilastri che non sono fissi in modo assoluto, infatti ogni dente si muove in accordo con l'elasticità del suo legamento parodontale. La faccetta è sottile e leggermente scaricata sul versante occlusale, in modo che, a denti chiusi, rimanga uno spazio libero di ca. 1mm
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.
(CC) BY NC SA
note tecniche e ringraziamenti
privacy
P.I. 07556521008
cached&gzipped 20170526093518